Alta Val Nure (PC)

Suggestiva e ricca di sfumature, la Valnure offre ai suoi visitatori paesaggi unici ed incontaminati, da ammirare avventurandosi in escursioni a piedi e in mountain bike, oppure percorrendo gli incantevoli tracciati dell’ippovia che si inoltra tra boschi e vigneti. 

La vallata percorsa dal fiume Nure si snoda attraverso borghi incantati e centri abitati che testimoniano le antiche tradizioni della valle: dal borgo di Grazzano Visconti - costruito in stile medievale a fine Ottocento al fine di recuperare la prestigiosa tradizione artigiana locale e tramandarla di generazione in generazione - ai centri di Ponte dell’0lio e Bettola, fulcro delle attività commerciali tra Piacenza e Genova fin dal Medioevo.

Salendo verso Alta Valnure si ammirano luoghi selvaggi e suggestivi, dove la natura ancora oggi mantiene un ruolo da protagonista: qui si incontrano i laghi Nero e Bino - di origine glaciale - a cui si aggiunge il Lago Moo, oggi quasi nella sua interezza ricoperto da un’ampia distesa di prato e divenuto ‘grande anfiteatro naturale’ della di una valle che costituisce il vero e proprio ‘cuore verde’ del Piacentino. 
Completano il panorama le alte vette di Monte Bue (1.777 m), Monte Nero (1.771 m) e Monte Ragola (1.753 m) ricoperte da fitti boschi, arbusti e fiori protetti. 

Particolarmente ricca ed eterogenea anche la fauna che popola l’area: accanto a cinghiali, lupi, volpi, caprioli e daini è possibile avvistare lepri, poiane, scoiattoli ....

Percorrendo l’intera Val Nure - che si snoda su un tracciato lungo 80 km - si scoprono agriturismi, fattorie, aziende agricole e vitivinicole che testimoniano le radici contadine della vallata e rinomati salumifici che continuano la prestigiosa tradizione norcina della zona